‘A ‘mmenz’a via. La poesia in dialetto calabrese vincitrice del premio letterario “Un Anthurium per Francesco”

‘A ‘mmenz’a via. La poesia in dialetto calabrese vincitrice del premio letterario  “Un Anthurium per Francesco”

Quella che di seguito pubblico, è la poesia con la quale il sottoscritto si è aggiudicato il Primo Posto al Concorso Letterario “Un Anthurium nel cuore” a cura dell’associazione culturale “Un Anthurium per Francesco”, della presidente Giuditta Crupi, con la partnership di GrafichÉditore di Antonio Perri.

La giuria composta da Tommaso Cozzitorto, Nella Fragale e Laura Montuoro, ha valutato questo mio componimento in dialetto lametino come il migliore tra le varie poesie giunte in selezione al concorso.

‘A ‘mmenz’a via è stato il mio privo tentativo di confronto con la lingua “materna”, ovvero il dialetto. Un dialetto che, come ogni lingua, è organismo vivo e in continua mutazione; nella scrittura della mia poesia ho tentato di far convivere sia forme dialettali più arcaiche (come il congiuntivo “fhora”) ma anche dialettizzazione dell’italiano (“diminticari”, “cumpletu”) dando vita a un dialetto quanto più attuale, rispetto a vetuste forme cristallizzate.

Subito dopo l’originale componimento in dialetto, pubblico una sua riscrittura (quasi una parafrasi per chi non comprende l’idioma lametino) in italiano.

[‘A ‘mmenz’a via, insieme ad altri miei componimenti poetici in dialetto, è presente nell’antologia “La Terra Dentro. I poeti dialettali del Lametino” curata dal prof. D’andrea.]

 

‘A ‘MMENZ’A VIA

Si puru mi putera shcurdari
di tutti i pirzuni, cà ‘nt’a vita haju vistu
iu, sicuru, l’adduru d’a pioggia
‘unn mu puazzu diminticari.

Si ogni cosa d’a capu
e d’u cori mi vinera strazzatu,
statti tranquillu: cà ‘u rumuri ‘i l’acqua
cà sbatti supra ‘i machini
a ‘mmenza ‘a strata
e ‘llu fhrishcu d’i gucciulilli
cà mi shchiccianu ‘ntra l’uacchji
‘unn mi po’ esseri arrubbatu.

Era ‘nu juarnu ‘i novembri
e chijuvìa, cà parica mmai putìa finiri,
i trona e lli lampi s’avianu aqquitatu
e llu cìalu, ormai, sulu acqua jittava.

Caminavamu ‘nzema,
tutti i dua, stritti stritti,
sutta ‘n’umbrella sulu:
‘a capu vascia,
ppi guardari si ‘nzammai i pìadi
‘ntra ‘na gurna ‘nziccavammu.

Sintivi allura, ppi lla prima vota,
i vrazza tua cà mi stringìanu
e l‘adduru cà vinìa d’i capilli tua:
luanghi e niguri, cumu tutt’i nuttati
c’aju passatu
senza mu ti tiagnu abbrazzata.

E mentri fhorti, l’acqua continuava a cadiri,
‘na menza luna, janca janca,
all’antrasata m’aju vistu davanti:
no romantica, cumu ‘nu quartu
e mancu bella, cumu ‘na luna chijna.

‘Nt’a capu m’aju misu a pinzari:
“e ssi ‘sta menza luna
fhora ‘nu signu?
Si vulera ddiri… Cà puru iu
sugnu ancora a mità.
Fhorzi è ‘sta fhimmina cà moni
mi sta stringiandu ‘u vrazzu
l’atra mità ‘i ‘sta menza luna,
fhorzi è ‘sta fhimmina cà mo
mi sta stringiandu ‘u vrazzu
sutta ‘sta vriccia d’acqua,
chilla cà mi po’ ffari sintiri
chjinu, cumpletu!”.

E senza stari cchjiù a pinzari
m’aju fhirmatu a ‘na vota – e illa ‘ccu mmia –
e stritti stritti,
sutt’a ‘n’umbrella sulu,
ppi lla fhorti pioggia cà fhacìa,
ppi lli lampi e ppi lli trona
ca cchijù nun c’eranu,
ppi l’acqua cà ormai sulamenti cadìa,
‘nu juarnu ‘i novembri:
iu cà mmai
avìa sintutu ‘i vrazza sua cà mi stringianu,
iu cà mmai
avìa sintutu l’adduru d’i capilli sua,
iu cà mmai
l’avìa tinutu abbrazzata,
vidiandu ‘na menza luna,
janca janca,
l’aju vasata,
mentr’i schicciuluni sbattìanu
supr’a ‘i machini
‘a ‘mmenz’a via.

IN MEZZO LA STRADA

Se anche potessi scordarmi
di tutte le persone che ho visto nella vita,
io, di certo, l’odore della pioggia
non lo posso dimenticare.

Se ogni cosa, dalla testa
e dal cuore, mi venisse strappato,
sta’ tranquillo: ché il rumore dell’acqua
che sbatte sulle macchine
in mezzo la strada
e la frescura delle gioccioline
che mi sprizzano negli occhi
non potrà essermi sottratto.

Era un giorno di novembre
e pioveva, come mai potesse finire:
i tuoni e i lampi si erano quietati
e il cielo, ormai, solo acqua lasciava cadere.

Camminavamo insieme,
tutti e due, stretti stretti,
sotto un solo ombrello:
la testa bassa,
per controllare semmai i piedi
finissero in una pozzanghera.

Sentii allora, per la prima volta,
le tue braccia stringersi a me
e il profumo emanato dai tuoi capelli:
lunghi e neri, come tutte le notti
che ho trascorso
senza tenerti abbracciata.

E mentre forte l’acqua continuava a cadere,
una mezza luna, bianca bianca,
all’improvviso mi è comparsa innanzi:
né romantica come un quarto
e neanche bella come una luna piena.

Nella mia testa iniziai a pensare:
« e se questa mezza luna
fosse un segno?
Se volesse dire… Che pure io
sono ancora a metà.
Forse è questa donna che ora
mi sta stringendo il braccio
l’altra metà di questa mezza luna,
forse è questa donna che ora
mi sta stringendo il braccio
durante quest’improvviso piovasco,
quella che può farmi sentire
pieno, completo».

E senza stare più a pensare
mi sono fermato d’un tratto – e lei con me –
e stretti stretti,
sotto un solo ombrello,
per la forte pioggia che veniva giù,
per i lampi e per i tuoni
che più non c’erano,
per l’acqua che ormai solamente cadeva,
un giorno di novembre:
io che mai
avevo sentito le sue braccia stringermi,
io che mai
avevo sentito l’odore dei suoi capelli,
io che mai
l’avevo abbracciata,
vedendo una mezza luna,
bianca bianca,
io la baciai,
mentre le gocce continuavano
a cadere sulle macchine
in mezzo la strada.

Condividi ora